• Lunedì

    Chiuso

  • Martedì

    09:00 - 19:30

  • Mercoledì

    09:00 - 13:00 - 15:30 - 19:30

  • Giovedì

    09:00 - 13:00 - 15:30 - 19:30

  • Venerdì

    09:00 - 19:30

  • Sabato

    09:00 - 19:30

  • Domenica

    Chiuso

Seguici su

Cristian Nanni

I capelli rosa, visti a Sanremo e pronti per la prossima estate

Il Festival di Sanremo, che si è concluso sabato scorso con la vittoria della coppia formata da Mahmood e Blanco, come di consueto oltre a premiare la canzone più bella, è stato anche una vera e propria passerella di stile, sia per quanto riguarda le novità dell’abbigliamento che per quelle dell’hair style. Tra le nuove tendenze c’è quella dei capelli rosa, che sono tornati sul palco sanremese in diverse versioni, ma tutte “pink” e pronte per imporsi nella prossima stagione estiva.

Il ritorno in auge del colore rosa

Il colore rosa è stato utilizzato fino allo scorso decennio, poi è stato messo nel dimenticatoio, ma quest’anno è tornato a farsi vedere, con tagli e sfumature diverse, durante la rassegna sanremese che si è tenuta al Teatro Ariston. Negli anni il colore rosa è sempre stato definito come colore “femminile”, ma ora sembra che questo luogo comune sia stato definitivamente superato, dato che anche diversi uomini lo stanno scegliendo. Il rosa è divenuto quindi un colore “genderless” capace di far sognare ed è stato proposto con grande disinvoltura, tanto da far pensare che sarà uno dei colori protagonisti della prossima estate.

Il rosa freddo indossato da Arisa

Arisa in questa edizione del Festival non era tra le partecipanti in gara, ma è comunque stata una delle protagoniste salite sul palco nella seconda serata quando ha eseguito una delle due canzoni finaliste tra le quali scegliere l’inno ufficiale dei Giochi Olimpici del 2026 che si svolgeranno in Italia tra Milano e Cortina. La cantante genovese, in compagnia di Malika Ayane che ha cantato la seconda canzone in gara per l’inno ufficiale, si è presentata sul palco dell’Ariston con una chioma rosa che faceva da perfetto contraltare al suo abbigliamento in total black. Per Arisa questa scelta è una novità assoluta visto che nelle ultime uscite in pubblico la sua chioma era color biondo platino. La nuance scelta dalla cantante genovese è decisa ma nello stesso momento ha un tono freddo ed è stata preparata sopra una decolorazione precedente, anche se alla base dei capelli si notava il suo colore corvino originale. Per rendere maggiormente “baby” il suo intero hair look, la cantante ha scelto una frangetta sbarazzina.

Il Bubble Pink sfoggiato da Ema Stokolma

La dj che come consuetudine è l’inviata, insieme al collega Giovanni Castaldo, al Festival di Sanremo per Rai Radio 2, ha invece scelto per il suo hair style un rosa decisamente più intenso. Per Ema Stokolma il pink hair non rappresenta una novità, in quanto la conosciamo come una donna camaleontica, che non si fa certo pregare per cambiare il suo look ed aveva indossato il colore rosa già alcuni anni fa. La sua scelta questa volta è caduta su una gradazione calda e intensa, accompagnata da una leggera punta di “gold”, che ha messo ancor di più in risalto i suoi lineamenti. Un colore che si adatta molto bene alle giovani che non temono di farsi notare. Questa scelta ha una sola controindicazione, che è rappresentata dalla “ricrescita”, specialmente nel caso sia di colore scuro, visto che potrebbe creare un forte stacco cromatico, per cui chi sceglie questa nuance deve frequentemente recarsi dal parrucchiere. Nella prima serata del festival Ema Stokolma ha proposto un look con capello mosso abbinato ad una frangetta laterale a tendina, valorizzato al meglio dall’abbinamento tra frangetta e messy bun.

Il Curly sfoggiato da Dario Mangiaracina

Uno dei due componenti del duo canoro La Rappresentante di lista si è presentato sul palco sanremese con un look caratterizzato da un colore rosa Barbie praticamente perfetto. Dario Mangiaracina è stato forse il primo uomo con i capelli colore rosa sul palco dell’Ariston e questa è stata veramente una scelta azzeccata, resa anche più “cool” dall’abbinamento con il riccio alla base.